Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi.

Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su "approvo" acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

News

Prime collisioni protone protone a LHC nel 2017

Il 23.05.2017 il collisionatore LHC al CERN ha fornito le prime collisioni protone protone del 2017.
L'energia delle interazioni era di 13 mila miliardi di elttron-volt (13 TeV) e l'event display mostra uno degli eventi con fasci stabili acquisito da ALICE.
Tutti gli esperimenti di LHC hanno preso dati dopo una pausa invernale, durante la quale c'è stato un lungo lavoro per migliorare le performance dei rivelatori per essere pronti a collezionare ulteriori dati nel 2017.
“Durante i primi due anni di operazioni all'energia di collisione di 13 TeV, abbiamo raggiunto un'eccellente conoscenza del funzionamento di LHC, che ci permette di ottimizzare le sue operazioni nel terzo anno di attività a questa energia,” le parole di Frédérick Bordry, Direttore per Acceleratori e Tecnologia al CERN. “Il nostro obiettivo è aumentare ulteriormente la luminosità di picco e conservare l'eccellente operatività di LHC, che di per sè sarebbe un grande risultato”.
Il Centro Fermi ha parte della responsabilità del sistema di tempo di volo (Time Of Flight) di ALICE e i primi dati acquisiti in questi giorni vengono usati per monitorare il corretto funzionamento di questo apparato, che è capace di misurare il tempo di passaggio delle particelle con una precisione di 0.06 miliardesimi di secondo (60 ps).

--

On the 23.05.2017 the collider LHC at CERN provided the first proton proton collisions in 2017.
The energy of the interactions was 13 thousand of billion of Tera-electron-volt (13 TeV) and the event display shows one of the events with stable beams recorded by ALICE.
All the experiment at LHC were able to take data after the winter shotdown, when they worked to improve the detector performance and be ready to collect more data in 2017.
“Over the first two years of operation at a collision energy of 13 TeV, we built up an excellent understanding of how the LHC works, which will allow us to optimise its operation even further in the third year,” says Frédérick Bordry, Director for Accelerators and Technology at CERN. “Our goal is to increase the peak luminosity even further and to maintain the LHC’s excellent availability, which in itself would be a great achievement.”
Centro Fermi has part of the responsability of the Time Of Flight system in ALICE and the first data taken in these days are used to monitor the correct behavior of this apparatus, that is able to measure particles with a precision in timing of 0.06 billionth of seconds (60 ps).

CENTRO FERMI

Museo Storico della Fisica e Centro Studi e Ricerche Enrico Fermi

Piazza del Viminale 1 
00184 Roma (Italy)

CUU:  UF5JTW 

 

Bandi / Avvisi 

Gare / Contratti

 Seguici su:

© 2017 Centro Fermi. All Rights Reserved.